Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

FreeNote: applicazione Android gratuita per prendere note e appunti di ogni tipo

FreeNote: applicazione Android gratuita per prendere note e appunti di ogni tipo

freenote-1

Se siete utenti Android conoscerete bene il Play Store di Google, tanto ricco di applicazioni da rendere difficile trovare quelle che realmente fanno al caso nostro. Negli ultimi tempi ho avuto necessità di prendere note sul mio tablet e ho provato tante alternative, ma quella che mi ha convinto di più è stata FreeNote e di seguito vi spiegherò il perché.

Se dovessi usare una frase per descrivere FreeNote direi: l’apparenza inganna (in senso positivo, per fortuna). Essa infatti presenta una interfaccia un po’ trascurata e inizialmente poco user-friendly, tuttavia vi permetterà di prendere appunti con una lodevole varietà di strumenti e di facilitazioni. Le note sono organizzate in categorie, da gestire tramite una apposita impostazione nel menù “Prefs/Usage“;  esse sono navigabili selezionando “Explore” nell’interfaccia principale del programma e scegliendo la categoria con il tasto più a destra (che ne indica il nome). Se volete inserire una nota “giornaliera”, la sezione “Diary” vi mostrerà un calendario con indicati i giorni in cui avete preso delle note.

freenote-2

Per quanto riguarda le classiche note di testo, potrete velocemente cambiare lo sfondo, il font, il colore del testo, il suo stile e le dimensioni (anche tramite gesture); potrete inserire dei link (anche ad altre note) oppure dei tag, parole/frasi che permettono di cercare e organizzare le note più agevolmente; sono supportati i classici copia/taglia/incolla, la selezione del testo e le funzioni di undo/redo per annullare o riapplicare eventuali modifiche.

Oltre al testo classico potete utilizzare liste to-do, disegnare a mano libera sullo schermo, salvare un memo vocale, associare un video, allegare un file oppure inserirvi un’immagine (dalla galleria o da scattare al momento tramite una scorciatoia in-app). Volendo è presente anche uno strumento per scrivere a mano libera, utile se avete un pennino: scegliendo tale modalità sullo schermo comparirà una barra orizzontale che rappresenta il “rigo” in cui scrivere, e man mano che scriverete al suo interno le parole esse verranno riportate all’interno della nota così come le avete disegnate a mano. Voglio precisare che non si tratta di riconoscimento della scrittura, in quanto quello che verrà inserito nella nota sarà proprio il tratto disegnato col pennino (adeguatamente ridimensionato a grandezza di testo normale).

freenote-3

La modalità  “disegno” è arricchita da vari pennelli, per ognuno dei quali è modificabile la dimensione del tratto e l’opacità, inoltre alcuni strumenti verranno mostrati in una barra per la selezione rapida. La superficie su cui disegnare non ha limiti in termini di margini, e la presenza di layer/livelli separati su cui poter disegnare costituisce il valore aggiunto di tale modalità rispetto alla concorrenza. A ciò si aggiungono widget di diversa dimensione da poter inserire nelle proprie homescreen, nonché la possibilità di condividere le note attraverso vari canali (social network, email e persino Evernote). Chiudo la disamina del programma citando la funzione di backup/restore delle note (i file creati avranno una estensione proprietaria).

frenote-4

La cosa sorprendente è che FreeNote è scaricabile gratuitamente dal Play Store (link) ed è compatibile con tutte le versioni Android (dalla 1.5 in poi). Ogni dieci giorni l’applicazione vi mostrerà un avviso chiedendovi di fare una donazione allo sviluppatore tramite download della versione a pagamento (identica a quella gratuita), ma inserendo un codice che trovate sulla pagina stessa dell’app tale avviso non comparirà altre volte. Il mio consiglio è di provarla, dopotutto la sua valutazione media e il numero di download parlano da soli.

Autore

Gerardo Considerato è uno studente presso UniSa, articolista web freelance, aspirante game dev & designer, nonché fondatore del progetto indipendente Raxys Games.