Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Windows compie 25 anni: storia di un colosso informatico

Windows compie 25 anni: storia di un colosso informatico

Windows logo vetro

Ci scuseranno i vertici Microsoft se siamo arrivati tardi alla festa, ma in quest’ultimo periodo noi Uomini in blu abbiamo avuto un bel po’ da fare. Anche se siamo in ritardo, non potevamo non fare gli auguri di buon compleanno al caro buon vecchio Windows, che lo scorso 20 Novembre ha compiuto 25 anni.

Ne è passato di tempo da quel lontano 20 Novembre 1985, quando un Bill Gates ancora semisconosciuto presentò al mondo Windows 1.0. Probabilmente non poteva immaginare minimamente il successo che il nuovo sistema avrebbe avuto di lì a poco, né che  avrebbe rivoluzionato (nel bene e nel male) il mondo dell’informatica. Di fatto, Windows rese finalmente il mondo dei PC “democratico”, svincolandolo dall’etichetta elitaria che lo caratterizzava allora: grazie al lavoro svolto da Bill Gates e soci, il sistema divenne sempre più ricco di funzionalità e appetibile sia per un uso casalingo che aziendale.

Il resto è storia nota, una storia fatta di alti e bassi: basti pensare al 97% delle quote di mercato che Microsoft deteneva nel 1998 per questo specifico settore, o all’imperituro Windows XP che nonostante abbia “qualche anno” alle spalle è ancora molto diffuso sulle macchine odierne, nonché al passo falso costituito da Vista. Con l’ultima versione 7, Windows è tornato in forze e ancora oggi è pronto a far man bassa di chiunque si pari sulla sua strada (o per lo meno ci prova). Il futuro parla di Windows 8, definito dalla società come “il prodotto Microsoft più rischioso di sempre“; le uniche informazioni rilasciate fanno intuire che il nuovo sistema punterà molto sul cloud, ma il salto dovrebbe essere molto più evidente (si tratterebbe di una major release, seguendo la tabella di marcia dell’azienda).

Il mercato degli OS si fa sempre più agguerrito, specialmente se si pensa che nuove forze stanno per entrare in gioco (qualcuno ha detto Chrome OS?). Come appassionati di informatica, non possiamo fare altro che attendere impazienti la nuova reincarnazione di Windows, sperando che ancora una volta rivoluzioni questo settore. Nel frattempo, auguri Windows!

Autore

Gerardo Considerato è uno studente presso UniSa, articolista web freelance, aspirante game dev & designer, nonché fondatore del progetto indipendente Raxys Games.