Samsung Galaxy s4: la presentazione il 14 Marzo a New York

samsung-unpacked-4

samsung-unpacked-4

Dopo le tante indiscrezioni arriva la conferma ufficiale. Segnatevi questa data e non prendete impegni; il 14 Marzo 2013 Samsung ha deciso di presentare il suo nuovo top gamma, il Samsung Galaxy s4. L’evento si terrà a New York e potrà essere seguito in diretta streaming dal sito ufficiale dell’azienda.

Niente più Londra quindi, città dove è stato presentato il Galaxy S3. Quest’anno l’azienda coreana ha deciso di tornare alle origini. Il primo Galaxy è stato infatti presentato durante la fiera statunitense CTIA 2010 e anche quest’anno l’esclusiva sarà negli USA.

I rumors parlano di uno smartphone con un display più grande, un processore quad core (o addirittura un otto core secondo alcuni siti), 2 GB di Ram, fotocamera da 13 Megapixel e possibilità di girare video Full HD 1080p a 30 frame per secondo. Non ci resta che attendere ancora un paio di settimane per vedere quali saranno le reali caratteristiche del Samsung Galaxy s4 che, quest’anno, si troverà a combattere una concorrenza davvero agguerrita.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

Google Adsense: attenzione ai tentativi di phishing

Anche Google Adsense, il celebre servizio di pubblicità offerto dal colosso di Mountain View, è stato oggetto di un tentativo di phishing.Parliamo di un attività messa in scena da dei pirati informatici che, con l'utilizzo di tecniche dell'Ingegneria Sociale, erano intenzionati a rubare le password di parecchi utenti.
Leggi

Microsoft viola il brevetto XML e inizia a perdere colpi

Gran brutto periodo per Microsoft che nel giro di qualche settimana si è vista accusare di violazione della licenza GPL e copia del sito Plurk. Come se non bastasse, arrivano ulteriori brutte notizie.Il colosso di Redmond, secondo quanto segnalato da Engadget, perde la causa contro la società canadese i4i sulla contesa riguardante il brevetto XML. Ciò porterà l'azienda di Ballamer a dover risarcire una somma di denaro pari a 290 milioni di dollari ai reali titolari del brevetto violato.