Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Provare Google Music anche in Italia

Provare Google Music anche in Italia

google music

Di recente è stato presentato Google Music, un servizio sviluppato dagli ingegneri di Mountain View che potrebbe essere visto come una sorta di iTunes in rete. Grazie al download di un’applicazione, è infatti possibile caricare online tutte le librerie musicali salvate sul computer, in modo da avere la propria musica sempre a portata di click.

Tutti i contenuti vengono caricati sulla nuvola di Google Music e possono essere riprodotti da qualsiasi computer, anche se le canzoni non sono presenti sul disco fisso. Basta infatti accedere al servizio e loggarsi con l’account Google per ascoltare liberamente la propria musica, perfettamente organizzata in una libreria multimediale online.

Peccato, però, che il servizio può essere provato solo dagli utenti residenti negli USA. Connettendovi dall’Italia, infatti, avrete un messaggio di errore che recita “We’re sorry. Music Beta is currently only available in the United States“.

Come fare allora per accedere a Google Music anche in Italia? Non vi preoccupate, grazie ad un piccolo accorgimento, è possibile superare questo limite, in modo da ottenere un invito per provare in anteprima il servizio. Per aggirare l’ostacolo è sufficiente usare un proxy online americano, in modo da accedere a Google Music con un IP diverso e poter così richiedere l’invito. Io ho usato HideMyAss (consigliatomi da un amico), ma voi potete usare quello che preferite, l’importante è che vi fornisca un IP americano.

google-music-invito

Aperta la pagina principale, loggatevi con le credenziali del vostro account Google e sarete inseriti nella coda per ricevere l’invito per provare Google Music. Spero di essere stato abbastanza chiaro. Per ulteriori delucidazioni, non esitate a lasciare dei commenti.

Galleria immagini di Google Music

Autore

Kamil Molendys è il fondatore de Il sito blu. È uno studente di Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Salerno.