Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

La prima videocamera autoalimentata (senza batteria) del mondo

La prima videocamera autoalimentata (senza batteria) del mondo

Ricercatori della Colombia University, guidati dal professor Shree K. Nayar, hanno realizzato un prototipo della prima videocamera al mondo che non necessita di alcun supporto elettrico per girare filmati.

Il professor Nayar, responsabile del laboratorio di Visione Artificiale, soddisfatto del lavoro fatto dal suo team spiega come “siamo solo alla punta di un iceberg”, poiché i sensori di visione artificiale sono presenti nella vita di tutti i giorni e renderli autosufficienti dal punto di vista energetico è una cosa che potrebbe rendersi utilissima.

Per spiegare questa brillante invenzione, viene spiegato come i sensori delle odierne videocamere funzionano allo stesso modo dei pannelli fotovoltaici: alla base del funzionamento di entrambi vi sono dei fotodiodi, componenti nanotecnologici in grado di poter convertire l’energia della luce o sotto forma di informazione di luminosità di una data posizione nello spazio (nel caso delle videocamere) o sotto forma di energia elettrica (come nel caso dei pannelli fotovoltaici).

Ebbene, essendo che alla base di entrambe le tecnologie vi sono gli stessi costituenti, si è avuta l’idea di sfruttare entrambe le capacità del fotodiodo, in modo da poter sia immagazzinare le immagini in una memoria (che costituiscono il video) sia di sfruttare l’energia catturata dal sensore della videocamera per alimentarla. Attualmente il prototipo è stato in grado di produrre un filmato di scarsa qualità (risoluzione 30×40 pixel)  in bianco e nero, ma che consente comunque di riconoscere la fisionomia degli oggetti (il video in basso).

Il dottor Nayar aggiunge: “Alcuni progetti diversi per sviluppare sensori d’acquisizione di immagini che possono raccogliere energia sono stati proposti in passato. Comunque, il nostro prototipo è la prima dimostrazione di una video camera completamente auto-alimentata.” Conclude dicendo che “Noi (il team) crediamo che i nostri risultati sono un notevole passo avanti nello sviluppo di una vera e propria nuova generazione di videocamere in grado di funzionare per lunghissime durate – e teoricamente, per sempre.

Non ci resta che attendere il futuro che, come al solito, non smette mai di sorprenderci.

Autore

Collega quasi di vecchia data degli altri uomini in blu. Studia Ingegneria Informatica e molto altro. =)