La prima biografia autorizzata di Steve Jobs

Steve Jobs

Steve Jobs

E ora tocca alla biografia di Steve Jobs… e si sa che quando si tratta di lui le cose si fanno per bene! A scrivere della vita di uno dei più grandi innovatori del nostro tempo sarà Walter Isaacson, già occupatosi in passato della biografia di Albert Einstein, del presidente Franklin Einstein e di Henry Kissinger.

Questa biografia, che si propone di far conoscere anche il lato più umano di quest’uomo che è stato fondatore della Apple e che è conosciuto soprattutto per il suo essere megalomane e insensibile, non deluderà le aspettative. La vita di Jobs è stata sicuramente ricca di colpi di scena e avvenimenti che hanno rivoluzionato il progresso tecnologico.

Apparso ultimamente provato dopo il recente trapianto di fegato e la battaglia che combatte da diversi anni con il cancro che comunque non lo ha fermato, la biografia per la prima volta autorizzata permetterà di conoscere il Jobs padre, innovatore, evidenziando il suo punto di vista su molti avvenimenti che lo hanno reso famoso in tutto il mondo.

In passato sono apparse diverse biografie non autorizzate, alcune delle quali lo avevano irritato profondamente tanto da chiedere il ritiro dei libri da tutti i negozi della Apple. Da ricordare su di lui anche il film del 1999 “I pirati della Silicon Valley” diretto da Martyn Burke in cui Jobs è interpretato da Noah Wyle, film che in parte ha contribuito all’immagine negativa di Jobs.

Il libro che sarà in vendita dall’anno prossimo ha buone possibilità di diventare un best seller.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero Interessarti
Leggi

Compal presenta il proprio Tablet con Nvidia Tegra 2

Al Consumer Electronics Show 2010 di Las Vegas ha partecipato anche Compal che ha presentato il suo nuovissimo prototipo, un Tablet con processore Tegra 2 di nVidia. Questo device utilizza un display sensibile al tocco da 7" con una risoluzione nativa di 1.024x600 pixel.La cosa che ha lasciato perplessi però è stato l'impiego di un display con tecnologia resistiva, invece di quella capacitiva come di moda sui modelli di punta in questo periodo.