Il Googlefonino: Nexus One pregi e difetti del nuovo rivale dell’iPhone

Il 5 gennaio è stato presentato Nexus One, il primo smartphone distribuito da Google. Costruito da HTC con sistema operativo Android, esso presenta caratteristiche tecniche di alto livello e nasce come rivale indiscusso dell’iPhone di Apple. Presente già sul mercato di Usa, Gran Bretagna, Singapore e Hong Kong è possibile acquistarlo in rete con prezzi che vanno da 529 dollari senza alcun contratto con nessun operatore o con contratto T-Mobile a 179 dollari.

Il 5 gennaio è stato presentato Nexus One, il primo smartphone distribuito da Google. Costruito da HTC con sistema operativo Android, esso presenta caratteristiche tecniche di alto livello e nasce come rivale indiscusso dell’iPhone di Apple.

Presente già sul mercato di Usa, Gran Bretagna, Singapore e Hong Kong è possibile acquistarlo in rete con prezzi che vanno da 529 dollari senza alcun contratto con nessun operatore o con contratto T-Mobile a 179 dollari. L’arrivo in Europa è previsto per Aprile. Nella prima settimana di vendite sono stati acquistati 20 mila Nexus One..poca cosa se si pensa ai un milione e 600 mila iPhone che erano stati venduti dalla Apple.

Vediamo brevemente alcune caratteristiche tecniche e funzionalità del nuovo smartphone: pesa 130 grammi ed è spesso 11,5 millimetri, il display touch da 3,7 pollici, leggermente superiore a quello dell’iPhone, ha una risoluzione di 480×800 pixel, processore a 1 GHz, 512 MB Ram, memoria espandibile fino a 32 Gb, fotocamera da 5 Megapixel con autofocus, Gps; il dispositivo è anche dotato di un particolare sistema che permette di eliminare il rumore di fondo e lo spegnimento automatico del display quando lo si avvicina all’orecchio.

Come ogni nuovo prodotto non mancano però i problemi: la qualità del touchscreen è inferiore a quella dell’iPhone, non permette il multitouch, si hanno a disposizione un numero nettamente inferiore di applicazioni. In più sono stati segnalati problemi di bassa velocità di download e di connettività. Il tutto amplificato da una cattiva gestione dell’assistenza clienti. È possibile, infatti, contattare l’assistenza solo tramite email non essendo ancora attivo nessun numero telefonico.

È chiaro che da un progetto di questa portata ci si aspetta molto di più, ed è ancora troppo presto per definirlo un flop. Per ora lo strapotere sugli smartphone resta della Apple. Vedremo come nei prossimi mesi Google cercherà di rimediare a tutto ciò…

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

La7 online in streaming in alta definizione

Dopo Rai, anche La7 decide di aprire un proprio canale su internet permettendone la visualizzazione in streaming. La tv on demand nasce in collaborazione con il gruppo Telecom Italia Media e consente di visualizzare gratuitamente contenuti in alta definizione.La7.tv è il primo canale italiano che permette di guardare la tv in streaming in HD. Basta visitare il sito, lanciare il lettore multimediale e godersi la programmazione.