Grooveshark: chiude il celebre portale di musica in streaming

Prima della diffusione capillare di Spotify e Deezer esisteva Grooveshark; ricordo ancora quando era considerato uno dei più celebri portali di musica in streaming. Più volte abbiamo parlato di questo servizio per presentarvi, di volta in volta, delle nuove funzionalità ad esso associate. Oggi, però, ci ritroviamo a parlarne perché, dopo 10 anni di attività e 35 milioni di utenti iscritti, Grooveshark chiude i battenti.

La RIAA, l’Associazione Americana dell’Industria Discografica, ha dichiarato guerra al portale, accusandolo di essere colpevole di fornire musica in streaming senza pagare una regolare licenza agli artisti. Gli autori, per evitare una multa milionaria (si parla di 700 milioni di dollari di risarcimento), hanno chiuso del tutto il portale, eliminando tutti i file e cedendo la proprietà dell’intero servizio alla RIAA.

La comunicazione giunge direttamente dal sito di Grooveshark. Basta visitare l’home page per trovare un messaggio che spiega il motivo della chiusura e ringrazia tutti gli utenti per gli onorati 10 anni passati insieme.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero Interessarti
Morph Nokia
Leggi

Nokia e i nuovi cellulari flessibili

Con le tecnologie che si hanno ora a disposizione si può pensare di realizzare dispositivi alquanto bizzarri. Un po’ di tempo fa si parlava di un progetto della Nokia per alimentare i cellulari con bibite come la CocaCola invece del Litio.Ultimamente circolano invece indiscrezioni sulla volontà dell'azienda finlandese di realizzare dei cellulari flessibili.
Leggi

Google Orkut si aggiorna e punta a conquistare nuovi utenti da Facebook e Twitter

Mentre Facebook e Twitter spopolano, ci sono altri servizi dello stesso valore che invece ricevono un assenso minore. E' il caso di Google Orkut, piattaforma di social network sviluppata da Big G.Il servizio è poco diffuso nei nostri paesi ma riscuote grandissima popolarità in India e Brasile. L'assenza di un grande pubblico ha portato più volte Google a voler annunciare la chiusura del servizio.