DDLFantasy chiude i battenti

ddlfantasy

ddlfantasy

Come era lecito aspettarsi, il “caso MegaUpload” ha funzionato come prima tessera del domino: uno dopo l’altro, i maggiori siti di file hosting e sharing hanno dovuto rivedere la propria politica (correndo ai ripari all’occorrenza), e chi ha scelto di non adeguarsi e di proseguire per la propria strada ne ha poi pagato le conseguenze. Era solo questione di tempo, e alla fine anche un nome grosso come DDLFantasy ha scelto di desistere.

Con una lettera ufficiale visualizzabile online, i gestori del sito hanno annunciato in data odierna la chiusura definitiva del sito “prima che lo faccia qualcun altro” (citando testualmente); il dominio sembra sia già stato venduto, mentre non è stato ancora toccato il database. Per chi non lo conoscesse, DDLFantasy era una delle più importanti piattaforme dello Stivale per il download di programmi, film, videogiochi, manga e molto altro; nel corso del tempo si era guadagnata una certa fama, e la notizia della sua chiusura sottolinea l’importanza e la gravità di quanto stia accadendo online in questo periodo. La linea dura adottata dalle autorità sta facendo vacillare tutti i grandi nomi del settore, e il recente arresto di SiDCrew (uno dei releaser più attivi della scena italiana) con conseguente “forfait” da parte di altri suoi colleghi è una testimonianza decisamente chiara in tal senso.

Insomma, la lotta contro la pirateria non sta risparmiando davvero nessuno e sta profondamente cambiando il volto del web. Qualcuno ha gridato a un “ritorno ai torrent”, ma anche su questo lato la situazione è tutto fuorché rosea: basti pensare alla condanna dei gestori del sito “The Pirate Bay e alla chiusura spontanea da parte di Btjunkie, altra vecchia conoscenza del settore. Possiamo realmente parlare di “caccia alle streghe”, come sostenuto dai gestori di DDLFantasy? Una cosa è certa: caccia alle streghe o meno, la maxi operazione contro MegaUpload sta avendo effetto.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

Il Googlefonino: Nexus One pregi e difetti del nuovo rivale dell’iPhone

Il 5 gennaio è stato presentato Nexus One, il primo smartphone distribuito da Google. Costruito da HTC con sistema operativo Android, esso presenta caratteristiche tecniche di alto livello e nasce come rivale indiscusso dell’iPhone di Apple.Presente già sul mercato di Usa, Gran Bretagna, Singapore e Hong Kong è possibile acquistarlo in rete con prezzi che vanno da 529 dollari senza alcun contratto con nessun operatore o con contratto T-Mobile a 179 dollari.