Condannato per i commenti sulla pagina Facebook Cartellopoli

cartellopoli

In giro per il Mondo si trovano numerose sentenze e condanne per amministratori di servizi web che hanno promosso in qualche modo qualche azione vandalica. In Italia ciò che è successo a Cartellopoli è invece un “nuovo fenomeno” : l’amministratore del sito web Cartellopoli, gestore anche della pagina web relativa, è stato condannato a 9 mesi per istigazione a delinquere e apologia di reato.

Il sito web Cartellopoli rappresentava il punto di riferimento per le proteste dei cittadini romani contro il degrado della città dovuto in particolare all’affissione di cartelloni pubblicitari abusivi.

I numerosi commenti pubblicati sarebbero di responsabilità dell’amministratore e il suo sito web rappresenterebbe secondo gli inquirenti, l’origine delle numerose violenze e atti vandalici registrati negli ultimi tempi (ovviamente quelli relativi al “cartellonismo”).

Aldilà della mera questione, questa condanna apre lo scenario ad un nuovo sistema di “responsabilità” che potrebbe cambiare molte carte in gioco.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero Interessarti
Leggi

iPhone 4 bianco: ecco le prime foto!

Ecco a voi le prime foto dell'iPhone 4 in veste bianca! Il design è molto semplice e questo colore lo rende davvero speciale, sobrio e elegante. Ecco le prime due foto della scatola... ...Seguite dall'interno della scatola, il retro dello smartphone e da quest'ultimo posto sulla propria dock! Allora? Cosa ne pensate?
PlayStation 3
Leggi

Violato il sistema antipirateria della PlayStation 3

E dopo 3 anni anche la PlayStation 3 è stata violata, pur essendo uno dei sistemi che ha resistito di più. E l’autore di tale impresa continua ad essere lui: George Hotz, noto anche come GeoHot, proprio quel giovane hacker che era già riuscito a crackare l’iPhone.Per violare il sistema di sicurezza della console Sony, GeoHot ha impiegato ben 5 settimane. Riuscirci non deve essere stato per niente semplice, visto anche la presenza degli algoritmi di decriptazione interni al processore Cell che sono rimasti inviolati.