Apple attacca, Nokia e Rim rispondono duramente sui problemi di ricezione

Steve-jobs-iphone-ricezione

Steve-jobs-iphone-ricezione

Apple durante la conferenza stampa di ieri, oltre a ribadire che gli insoddisfatti verranno rimborsati con la cover bumper o con il rimborso dopo la restituzione, ha anche attaccato duramente Nokia e Rim affermando che nessun telefono è perfetto citando parecchi esempi e prove fatte su dispositivi di queste aziende. In sintesi Apple ha ribadito che il problema della ricezione non è un problema solo di iPhone 4.

La prima a rispondere alle provocazioni è stata Nokia che è passata subito al contrattacco con un comunicato ufficiale in cui afferma che Nokia da decenni investe migliaia di ore di lavoro nello studio del comportamento umano nell’impugnatura dei telefoni per chiamare, riprodurre musica, navigare in internet e tanto altro, dando la precedenza alle prestazioni dell’antenna rispetto al design del dispositivo in caso i due aspetti siano in conflitto, con accurata attenzione al posizionamento delle antenne in alto e in basso e con un’attenta selezione di materiali e del loro utilizzo durante la progettazione.

Dopo il colosso finlandese anche Rim non le ha certo mandate a dire, e stavolta con toni più agguerriti. Nel comunicato si legge che Apple ha cercato di trascinare Rim nel proprio scandalo, cercando di distogliere l’attenzione da una situazione difficile, RIM inolte ha precisato che da 20 anni è leader mondiale nella progettazione di antenne, grazie anche alle progettazioni di dispositivi wireless che offrono prestazioni radio ottimali. RIM durante questi anni ha scartato design come quello utilizzato da Apple per l’iPhone 4 puntando su progetti innovativi che riducono il rischio di caduta in chiamata in aree di bassa copertura. E come frecciatina finale ha ribadito che comunque i clienti RIM non hanno alcun bisogno di usare cover per i loro smartphone BlackBerry per mantenere una connettività decente. Quindi Apple ha combinato il guaio e deve assumersi le responsabilità per la fase di progettazione evitando di trascinare RIM in problemi suoi.

Insomma pare che neanche la conferenza stampa di ieri abbia portato alla fine di questa infinita odissea. Tirare in ballo altre aziende leader non è certamente una gran bella mossa, sicuramente Apple per la prima volta ha fallito nel suo campo di competenza, il marketing. E voi cosa ne dite?

0 Shares:
Potrebbero Interessarti
Leggi

Il Googlefonino: Nexus One pregi e difetti del nuovo rivale dell’iPhone

Il 5 gennaio è stato presentato Nexus One, il primo smartphone distribuito da Google. Costruito da HTC con sistema operativo Android, esso presenta caratteristiche tecniche di alto livello e nasce come rivale indiscusso dell’iPhone di Apple.Presente già sul mercato di Usa, Gran Bretagna, Singapore e Hong Kong è possibile acquistarlo in rete con prezzi che vanno da 529 dollari senza alcun contratto con nessun operatore o con contratto T-Mobile a 179 dollari.
Dante's Inferno
Leggi

Dante’s Inferno disponibile anche in Italia per Xbox 360 e PS3

A ben 700 anni dalla sua creazione arriva il videogioco Dante's Inferno in cui il sommo poeta invece di osservare ciò che avviene e comporre versi, si trasforma in un guerriero pronto a combattere con i guardiani dei 9 cerchi per salvare la sua amata Beatrice che ha stretto un patto con Lucifero.