Rapidshare costretto a risarcire 24 milioni di euro per violazione di copyright

Rapidshare

Rapidshare

Rapidshare è conosciutissimo perchè permette il download di vari tipi di files. Molto spesso sono questi film, canzoni o applicazioni protetti dai diritti d’autore.

Per questo motivo, il tribunale regionale di Amburgo, ha emesso una sentenza che costringe Rapidshare ad adottare dei particolari filtri per l’upload dei files e a risarcire una somma di denaro pari a 24 milioni di euro.

La GEMA, corrispondente alla nostra SIAE, aveva denunciato Rapidshare nel 2007 per circa 5mila brani musicali diffusi illegalmente.

La sentenza ha stupito molti: nessuno si aspettava che 5mila canzoni potessero portare ad una sanzione di ben 24 milioni di euro.

Intano sembra che da Rapidshare comincino a sparire grandi quantità di files protetti da Copyright. L’azione intrapresa dalla GEMA deve aver fatto un grande effetto!

Nonostante tutto, il servizio hosting si difende: l’appello è quasi pronto e dovrebbe portare ad un ridimensionamento delle richieste dell’autorità giudiziaria.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

La7 online in streaming in alta definizione

Dopo Rai, anche La7 decide di aprire un proprio canale su internet permettendone la visualizzazione in streaming. La tv on demand nasce in collaborazione con il gruppo Telecom Italia Media e consente di visualizzare gratuitamente contenuti in alta definizione.La7.tv è il primo canale italiano che permette di guardare la tv in streaming in HD. Basta visitare il sito, lanciare il lettore multimediale e godersi la programmazione.