Rapidshare costretto a risarcire 24 milioni di euro per violazione di copyright

Rapidshare

Rapidshare

Rapidshare è conosciutissimo perchè permette il download di vari tipi di files. Molto spesso sono questi film, canzoni o applicazioni protetti dai diritti d’autore.

Per questo motivo, il tribunale regionale di Amburgo, ha emesso una sentenza che costringe Rapidshare ad adottare dei particolari filtri per l’upload dei files e a risarcire una somma di denaro pari a 24 milioni di euro.

La GEMA, corrispondente alla nostra SIAE, aveva denunciato Rapidshare nel 2007 per circa 5mila brani musicali diffusi illegalmente.

La sentenza ha stupito molti: nessuno si aspettava che 5mila canzoni potessero portare ad una sanzione di ben 24 milioni di euro.

Intano sembra che da Rapidshare comincino a sparire grandi quantità di files protetti da Copyright. L’azione intrapresa dalla GEMA deve aver fatto un grande effetto!

Nonostante tutto, il servizio hosting si difende: l’appello è quasi pronto e dovrebbe portare ad un ridimensionamento delle richieste dell’autorità giudiziaria.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

Autonomia raddoppiata per HTC HD2

Un aspetto evidente del mercato elettronico è che buona parte degli introiti, per i maggiori produttori Hi-Tech, non sono legati solamente ai dispositivi che vengono commercializzati, ma ormai App Store e gadget da affiancare ai nostri acquisti sono una vitale risorsa per tutti.Sotto questo aspetto HTC non sta di certo a guardare e propone una interessante soluzione per il suo HTC HD2.