Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Non solo Geometry Dash. Nasce Geometry Junk!

Non solo Geometry Dash. Nasce Geometry Junk!

Il bello di studiare Ingegneria dell’informazione è lo stare a contatto con persone che nutrono la mia stessa passione. Così, negli ultimi anni passati all’Università degli Studi di Salerno, ho avuto modo di conoscere persone fantastiche con un grandissimo talento in ambito informatico e non solo.

Una di queste è Gerardo (Bill per gli amici). Ve ne parlo perché, di recente, ha sviluppato e rilasciato un gioco per i dispositivi Android. Essendo un grandissimo amico, non potevo non presentarvi il frutto del suo lavoro. Proprio per questo sono qui a parlare di Geometry Junk.

Lo scopo del gioco è semplice: raccogliere i pezzettini di spazzatura che cadono dall’alto e buttarli nell’apposito contenitore di raccolta. Bisogna essere rapidi per andare avanti e fare quanti più punti possibile. Basta che un junk (triangolo, quadrato e cerchio) rimanga fermo a terra e la partita volgerà al termine.

Come dico io, è il classico gioco che suscita la rabbia dei videogiocatori. È sufficiente un movimento sbagliato per buttare all’aria il punteggio accumulato e quindi ricominciare la partita da zero. Bisogna farci l’abitudine. Il rischio più alto viene dalla frustrazione in quanto, dopo una serie di tentativi, si arriva a scuotere fortemente il cellulare e, nel peggior dei casi, a buttarlo fuori dalla finestra. C’è dell’ironia in quanto appena detto ma nulla è stato scritto per caso. Provate a scuotere il cellulare dopo aver perso una partita. Vi aspetta una piacevole sorpresa.

E non finisce qui. Il bello viene quando si consulta la classifica. Geometry Junk tiene traccia dei propri record, dei record degli amici e di tutti coloro che hanno concluso almeno una partita. Pertanto, la competizione rimane sempre accesa.

Il tutto è contornato da una grafica studiata nei particolari per essere quanto più “Geometry” possibile e da una traccia sonora degna di nota. Considerando che il lavoro è stato portato avanti da una persona sola si tratta davvero di un gioco degno di nota (non sarò imparziale in quanto amico dello sviluppatore ma fidatevi quando dico che si tratta di un progetto di grande qualità).

L’applicazione Geometry Junk può essere scaricata gratuitamente dal Play Store. Nel caso fosse di vostro gradimento, potete ricorrere agli acquisti in app per sbloccare nuove modalità o semplicemente per dare un sostegno economico allo sviluppatore. Fatemi sapere cosa ne pensate.

P.S. Per qualsiasi informazione, segnalazione, critica o idea non esitate a lasciare un commento. Provvederò a farvi rispondere da Gerardo in persona.

Autore

Kamil Molendys è il fondatore de Il sito blu. È uno studente di Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Salerno.