La Disney e l’algoritmo che rielabora ciò che dici in un video


Può ricordare il Grande Fratello di George Orwell, in cui attraverso l’utilizzo di sosia si appariva nella televisione di stato ammettendo cose proprie non affatto vere, ma lo scopo non sarà di sicuro (lo si spera, almeno!) quello: la Disney, attraverso la propria sezione di ricerca, ha sviluppato un algoritmo in grado di far uscire (o almeno, ne da l’illusione) dalla bocca di una persona filmata parole e frasi non realmente pronunciate.

Nella pratica, l’algoritmo sfrutta le assonanze nella pronuncia di alcune parole (per esempio, in inglese i verbi “would” e “could”) per poter riformulare le frasi (si parla di 9000 “combinazioni diverse” per ogni “modo di dire”), dove ovviamente saranno opportunamente scelte poiché alcune potranno essere di senso non compiuto.

Il servizio (viene mostrato attraverso una demo nel video sottostante) potrà essere di sicura applicazione nel campo del doppiaggio di prodotti cinematografici, rendendo magari quest’ultimo più affidabile, in modo da non ritrovarsi ad ascoltare parole la cui pronuncia (magari perché la lingua originale sia di un ceppo diverso dal sonoro finale) non corrisponda al labiale, cosa alquanto fastidiosa se notata.

1 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

Il Googlefonino: Nexus One pregi e difetti del nuovo rivale dell’iPhone

Il 5 gennaio è stato presentato Nexus One, il primo smartphone distribuito da Google. Costruito da HTC con sistema operativo Android, esso presenta caratteristiche tecniche di alto livello e nasce come rivale indiscusso dell’iPhone di Apple.Presente già sul mercato di Usa, Gran Bretagna, Singapore e Hong Kong è possibile acquistarlo in rete con prezzi che vanno da 529 dollari senza alcun contratto con nessun operatore o con contratto T-Mobile a 179 dollari.