Harlem Shake: il nuovo tormentone che impazza su YouTube

Harlem-Shake

Harlem-Shake

Scordatevi il Gangnam Style; la moda del momento è un’altra e prende il nome Harlem Shake. Si, perché con oltre 23 milioni di visualizzazioni su YouTube e migliaia di emulazioni questo pezzo e ‘modo di fare‘ sta praticamente conquistando la rete. Non avete ancora capito di cosa si tratta? Tranquilli, eccovene proposto un esempio (anche se sono sicuro che avete già visto qualcosa di simile in giro).

La canzone non è male, tuttavia il suo grande successo è dovuto ad altri fattori. Harlem Shake sta spopolando grazie a Filthy Frank, uno studente diciannovenne che ha realizzato il video ‘Do the harlem shake‘ insieme a un gruppetto di amici.

L’idea è molto semplice ed è così virale che ha subito spopolato trasformandosi in un grande tormentone della rete. Sia in questo che in tutti i video che impazzano nella rete c’è, inizialmente, uno solo soggetto che balla e compie azioni stravaganti mentre tutti gli altri restano indifferenti. Appena la canzone diventa più ritmata, però, lo scenario cambia e tutti prendono parte alla scena inventandosi gesti, costumi e movimenti quanto più improbabili possibili.

Basta farsi un giro su YouTube per scoprire che le aziende più grandi hanno realizzato un video alla Harlem Shake (es. Google nel primo video proposto) mentre tante altre sono intenzionate a farlo in queste settimane. Non vi nascondo che anche noi siamo molto tentati dalla moda del momento ed avremmo l’intenzione di realizzare qualcosa del genere all’università, contanto su un vasto numero di partecipanti.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

Windows 7 pubblicizzato su un MacBook Pro

Dopo la presentazione ufficiale di Windows 7 avvenuta il 22 Ottobre, Steve Ballmer, amministratore delegato di Microsoft, ha partecipato al programma televisivo NBC, dove ha pubblicizzato il nuovo sistema operativo.Proprio durante un suo discorso è avvenuto un fatto davvero curioso notato dalla redazione di CrunchGear. Windows 7, durante lo svolgimento del programma, veniva presentato su un portatile della serie MacBook Pro.