Google pubblica una nuova app: Scrittura a mano libera

Durante la scorsa notte Google ha pubblicato diverse app su Google Play e tra queste troviamo Scrittura a mano libera.

Quest’app ci fornisce una nuova tastiera sulla quale, come suggerisce il nome, è possibile scrivere a mano libera utilizzando o le dita o un pennino. Essa supporta sia la scrittura in corsivo sia quella in stampatello e trasformerà in testo standard (quello a cui siamo abituati normalmente) tutto quello che scriveremo. Scrittura a mano libera supporta ben 82 lingue e consente anche l’inserimento di emoji, non dovremo fare altro che disegnarle.

Scrittura a mano libera (2)

L’app è scaricabile gratuitamente sia su smartphone che su tablet, ma è necessario avere almeno la versione 4.0.3 di Android.

Google è convinta di riuscire a decifrare anche la grafia più incomprensibile e ci sfida a testare questa sua nuova app, quindi provatela e dateci le vostre impressioni.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero Interessarti
Gateway EC14D
Leggi

Gateway EC14D con masterizzatore DVD in soli 11 Pollici

Chi pensava che avere un lettore ottico su dispositivi ultra portatili fosse fantascienza, può adesso ricredersi. Gateway ha infatti presentato un nuovo ultra portatile (EC14d la sigla corretta) da 11,6 pollici con un utile lettore ottico DVD integrato.Basato su processore CULV Intel SU4100 da 1,3 GHz e su chipset Intel GS45 Express, può contare su 4 GB di Ram Dual Channel da 667 MHz e su ben 320 GB di spazio su Hard Disk.
PlayStation 3
Leggi

Violato il sistema antipirateria della PlayStation 3

E dopo 3 anni anche la PlayStation 3 è stata violata, pur essendo uno dei sistemi che ha resistito di più. E l’autore di tale impresa continua ad essere lui: George Hotz, noto anche come GeoHot, proprio quel giovane hacker che era già riuscito a crackare l’iPhone.Per violare il sistema di sicurezza della console Sony, GeoHot ha impiegato ben 5 settimane. Riuscirci non deve essere stato per niente semplice, visto anche la presenza degli algoritmi di decriptazione interni al processore Cell che sono rimasti inviolati.