Gingerbread: release 2.3 di Android e non 3.0

Android Gingerbread

Android Gingerbread

È cosa ben risaputa che Google usi dei nomi di dolci (con iniziali progressive) per identificare le release del proprio sistema operativo mobile. Giusto per rinfrescare la memoria, fino ad oggi Android conta le versioni 1.5 Cupcake, 1.6 Donut, 2.0/2.1 Eclair e 2.2 Froyo. Il nome della prossima release è noto da tempo: si tratterà di Gingerbread, e il suo rilascio al pubblico è previsto per la fine dell’anno corrente o per l’inizio dell’anno prossimo. Ciò che era meno noto è che non si tratterà (come tutti pensavano) della release 3.0: sembra infatti che la prossima major release del robottino di Mountain View sarà la 2.3, come confermerebbe questo messaggio direttamente da code.google.com.

Un’altra conferma arriva dal giardino del GooglePlex a Mountain View, sede del gigante telematico americano. Sul prato del complesso è stato infatti montato un nuovo pupazzo dalle generose dimensioni, un vero e proprio “rito” che si ripete ad ogni nuova major release del sistema: stavolta, la forma del pupazzo è proprio quella di un omino di pan di zenzero, il che non lascia molti dubbi riguardo a cosa possa riferirsi. In basso potete trovare un video.

Il nuovo Gingerbread 2.3 (almeno, se tutto viene confermato) non dovrebbe apportare modifiche significative al kernel del sistema operativo, ma sono previste diverse migliorie al sistema in generale, nonché nuovi effetti grafici e funzionalità. Il fatto che sia stato montato il nuovo pupazzo al GooglePlex lascia intuire che la nuova versione di Android verrà presentata a breve, non ci resta che attendere nuove informazioni.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero Interessarti
Leggi

Lenti a contatto del futuro

In parecchi film fantascientifici sono presenti dei particolari occhiali che consentono la visualizzazione di dati come se si fosse seduti d'avanti ad un PC. Questi scenari, se qualche anno fa erano definiti come impossibili da realizzarsi, oggi diventano realtà.Dopo aver visto la realizzazione di parecchi prototipi di occhiali-schermi, alla University of Washington di Seattle è stato presentato un prototipo di lenti a contatto che porta lo schermo sull'occhio umano.