Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Eseguire programmi senza bisogno di installazione grazie a Spoon

Eseguire programmi senza bisogno di installazione grazie a Spoon

spoon

So di averlo detto altre volte, ma non mi stancherò mai di ribadirlo: il web è una risorsa unica. Ogni giorno capita di scoprire nuovi programmi, nuovi servizi, molti dei quali si rivelano alla fine davvero utili. Ad ogni modo, occorre anche avere un occhio di riguardo verso il proprio PC: proprio per questo motivo, spesso preferiamo non installare dei programmi che magari vorremmo provare, per paura che essi possano essere malevoli o che possano danneggiare i nostri computer. Se appartenete a questa tipologia di premurosi utenti, il servizio che vi propongo oggi potrebbe interessarvi, poiché vi permette di utilizzare un buon numero di applicazioni desktop senza alcun bisogno di installarle sulla vostra macchina. Il servizio in questione si chiama Spoon.

Spoon è una innovativa piattaforma di virtualizzazione, la cui principale caratteristica consiste nel permettere l’esecuzione sul PC di normali programmi desktop (ovvero con necessità di installazione) senza però realmente installarli. Il tutto avviene in modalità cloud, ovvero in un ambiente virtuale collegato alla rete che non necessità di alcun supporto fisico per essere eseguito. Spoon funziona in maniera molto semplice: basta accedere al database dei programmi disponibili sulla piattaforma e scegliere quello che vogliamo eseguire; una volta selezionato il programma, per avviarlo occorre cliccare sull’apposito pulsante di colore verde (“Start application“) e aspettare che esso venga caricato. Quando il caricamento sarà terminato, l’applicazione scelta verrà eseguita direttamente sul PC: potremo creare nuovi progetti, salvarli su un supporto rigido per un uso futuro e accedere a tutte le funzionalità del programma selezionato, senza alcuna limitazione di sorta. L’unica differenza sta nel fatto che il programma non risulta realmente installato, e non avrà  quindi “sporcato” il nostro computer. Una volta finito, basterà chiudere il programma come faremmo normalmente.

Il database conta un ampio numero di applicazioni eseguibili, le quali spaziano dall’uso business all’entertaining: possiamo citare Emule, Filezilla, Thunderbird, Skype, Google Talk o ancora Pidgin, VLC Media Player, OpenOffice, Adobe Reader. Tra i programmi virtualizzabili sono presenti anche i browser web più famosi (ovvero Firefox, Chrome, Safari e Opera), il che è molto utile per i webmaster che vogliono verificare la compatibilità di un sito coi vari browser; manca all’appello Internet Explorer, chissà se verrà riabilitato in futuro. È presente anche un nutrito database di giochi, che tra gli altri annovera Pac-Man, Dig Dug e altri classici. Nel caso in cui il programma o il gioco che vi interessa non sia presente nel database, potrete segnalarlo a Spoon tramite un form da completare. Infine, Spoon offre alle aziende e agli sviluppatori altri  servizi, sempre basati sulla piattaforma cloud: per chiunque fosse interessato, vi rimandiamo direttamente al sito ufficiale dove potrete trovare tutte le informazioni relative ad essi.

Per poter utilizzare il servizio di virtualizzazione offerto da Spoon è necessario registrarsi alla piattaforma e scaricare il plug in apposito per il proprio browser, dopodiché si potrà cominciare ad utilizzare il servizio. Naturalmente, avrete anche bisogno di un browser web e di una connessione ad internet per poter aprire i vari programmi, dato che essi non vengono “salvati” su alcun supporto fisico. Forse vi state chiedendo se le prestazioni dei programmi eseguiti in questo modo sono ottimali: io posso dirvi che ho scritto questo articolo virtualizzando OpenOffice e ascoltando nel frattempo alcuni brani musicali su Youtube tramite Firefox 3.6 virtualizzato. Certo, installare i programmi è ben’altra cosa (specie in quanto a velocità di caricamento all’avvio), ma alla fine ogni programma virtualizzato ha fatto egregiamente il suo lavoro e non ho riscontrato alcun crash o altro. Trovo che sia un progetto lodevole, e penso che abbia davvero grandi potenzialità.

Autore

Gerardo Considerato è uno studente presso UniSa, articolista web freelance, aspirante game dev & designer, nonché fondatore del progetto indipendente Raxys Games.