Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Considerazioni personali su Windows 8

Considerazioni personali su Windows 8

windows 8

In questi giorni mi capita spesso di parlare del nuovo sistema operativo di Microsoft, il tanto atteso Windows 8 che è finalmente stato rilasciato in versione stabile. Nonostante io sia un utente Mac da qualche anno a questa parte, sento di dover fare i  complimenti ai ragazzi di Redmond per l’impegno che stanno mettendo nel cercare di recuperare il terreno perso rispetto alla concorrenza.

Sempre secondo una mia opinione personale, Windows 8 è un buon sistema operativo che migliora ulteriormente l’esperienza utente. Tuttavia, non bisogna fare lo sbaglio di elogiare troppo un OS che nasce già da inseguitore.

Con il boom dei tablet e dei dispositivi mobile di fascia medio-alta le abitudini degli utenti stanno cambiando e sono sempre meno quelli che preferiscono un computer ad un tablet o cellulare. Noi sviluppatori non possiamo fare a meno di un buon computer, ma se prendiamo in considerazione le abitudini della maggior parte delle persone, ci accorgiamo che Microsoft ha ancora tanto da recuperare.

Oggi le persone sono abituate ad avere un’applicazione per eseguire le operazioni più comuni. I programmi sono ormai roba da smanettoni in un ecosistema dove iOS e Android la fanno da padroni. Pensateci… anni fa facevamo tutto con il computer. Adesso è molto più comodo usare uno smartphone o un tablet per surfare in rete, scattare foto, guardare video, ascoltare musica o svagarsi con uno dei tanti giochi che sono a disposizione negli store.

Non metto in dubbio che Windows 8 ci permette di avere un OS senza limitazioni su un tablet (prendiamo in considerazione Surface) tuttavia, siamo sicuri che un utente medio voglia un tablet che funga da computer? Ormai i dispositivi mobili permettono di svolgere tutte le operazioni più comuni con molta semplicità. Perché quindi utilizzare un tablet la cui durata di batteria è inferiore agli standard di mercato quando poi tutte le operazioni che uno deve eseguirci possono essere fatte su dispositivi più ‘ottimizzati’?

Io, essendo uno sviluppatore, preferisco di gran lunga un tablet Surface ad un iPad o tablet Android. Tuttavia, sono convinto che coloro che non si occupano di sviluppo trovano molto più semplice scegliere iOS o Android, avendo questi due OS degli ecosistemi ben consolidati e votati ad essere quanto più user-friendly possibile.

Non ti preoccupare, Microsoft tornerà grande” – Queste sono le parole di un amico dell’università che, anche ai tempi del flop di Windows Vista, ha sempre creduto nell’azienda fondata da Bill Gates. Ed in verità con Windows 7, l’alleanza con Nokia ed ora Windows 8, Microsoft sta rinnovando il suo ecosistema facendo vedere diversi spiragli di luce. Nonostante ciò, però, mi sembra esagerato dire che Windows 8 sia una rivoluzione. I miglioramenti ci sono stati, ne devo dare atto, tuttavia penso che la strada continui ad essere ancora tutta in salita.

Autore

Kamil Molendys è il fondatore de Il sito blu. È uno studente di Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Salerno.