Combattere l’Alzheimer chiacchierando al cellulare

Chi ha detto che stare ore e ore al cellulare fa male??? Dopo tante, tantissime critiche piovute sull’utilizzo prolungato del cellulare finalmente arriva una ricerca della prestigiosa università del sud Florida che spezza una lancia a favore dei milioni di utenti che non possono fare a meno del loro insostituibile cellulare. Quanto emerso dagli studi di ricerca dell’università del sud Florida, ha quasi del sorprendente! Sottoponendo infatti alcuni elementi di una famiglia di topolini ad onde elettromagnetiche uguali a quelle generate da un cellulare …

Chi ha detto che stare ore e ore al cellulare fa male??? Dopo tante, tantissime critiche piovute sull’utilizzo prolungato del cellulare finalmente arriva una ricerca della prestigiosa università del sud Florida che spezza una lancia a favore dei milioni di utenti che non possono fare a meno del loro insostituibile cellulare.

Quanto emerso dagli studi di ricerca dell’università del sud Florida, ha quasi del sorprendente! Sottoponendo infatti alcuni elementi di una famiglia di topolini ad onde elettromagnetiche uguali a quelle generate da un cellulare, ci si è resi conto come la malattia anziché progredire tendeva addirittura a regredire, rispetto ai topolini non sottoposti ad alcuna radiazione.

Sulla base dei loro promettenti ed inaspettati risalutati i ricercatori hanno concluso che l’esposizione ai campi elettromagnetici è una tecnica efficace e non invasiva, una vera e propria droga gratuita per prevenire e curare la malattia di Alzheimer negli esseri umani.

L’esposizione alle onde elettromagnetiche avrebbe la capacità di contrastare la produzione di proteine beta-amiloidi, responsabile della degenerazione del sistema nervoso. Le stesse onde avrebbero la capacità, inoltre, di distruggere depositi già formati prevenendone, in ogni caso, l’accumulo anormale.

Infatti i test di laboratorio hanno dimostrato come nei topolini in cui la malattia si trovava in fase avanzata, sottoposti alla cura elettromagnetica hanno riacquistato gran parte delle proprie facoltà. Durate la fase di esposizione infatti i ricercatori hanno evidenziato un aumento della temperatura del cervello dei topolini.

L’aumento della temperatura facilita quindi il rilascio da parte delle cellule cerebrali di  beta-amiloide curando e allo stesso tempo prevenendo l’insorgere dell’Alzheimer.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero Interessarti
Leggi

Nokia N900 in vendita dal 16 Novembre al prezzo di 599 euro

Dopo svariati rinvii e diverse indiscrezioni, Nokia fissa finalmente la data di uscita del suo nuovo smartphone. L'attesissimo Nokia N900 verrà ufficialmente rilasciato il 16 Novembre al prezzo di 599 euro.Manca davvero poco e i più fortunati potranno mettere mano su un cellulare che, almeno dalle caratteristiche, promette grandi cose.Il cellulare può essere già ordinato sul Nokia Online Shop.
Leggi

Nokia N97 mini: offerte e promozioni 3

Da oggi il Nokia N97 mini può essere acquistato in tutti i centri di telefonia 3. Il cellulare è venduto a dei prezzi decisivamente bassi anche grazie al comodato d'uso.I piani tariffari disponibili sono davvero tanti e offrono una buona possibilità di scelta. Come sempre vi è la divisione in Piano Ricaricabile e Piano Abbonamento.Ecco le offerte più interessanti...