Chiude il servizio Test Drive di Amazon per provare le app


Il sistema Test Drive esiste fin dal lancio dell’App-Shop da parte di Amazon nel lontano 2011 e dava la possibilità di provare per qualche minuto le applicazioni, prima di decidere se acquistarle o meno. Inizialmente ciò era possibile solo tramite il browser del proprio PC, ma successivamente il servizio era stato implementato anche su tablet e smartphone.

Molto probabilmente pochi di voi avranno sfruttato questa funzionalità o magari non sapevate neanche che esistesse. Sono proprio queste le motivazioni che ha dato Amazon in questi giorni, quando ha deciso di chiudere definitivamente il servizio ritenuto troppo costoso e complesso da mantenere per il suo scarso utilizzo attuale.

La causa di tale insuccesso è sicuramente dovuta alla grande diffusione di app freemium, ovvero applicazioni gratuite che permettono di sbloccare componenti aggiuntive o versioni complete tramite acquisti in-app.

Ricordiamo inoltre che Amazon non offre alcun rimborso sulle applicazioni acquistate, a differenza di Google Play che prevede questa possibilità, anche se solo per breve tempo.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

Il Googlefonino: Nexus One pregi e difetti del nuovo rivale dell’iPhone

Il 5 gennaio è stato presentato Nexus One, il primo smartphone distribuito da Google. Costruito da HTC con sistema operativo Android, esso presenta caratteristiche tecniche di alto livello e nasce come rivale indiscusso dell’iPhone di Apple.Presente già sul mercato di Usa, Gran Bretagna, Singapore e Hong Kong è possibile acquistarlo in rete con prezzi che vanno da 529 dollari senza alcun contratto con nessun operatore o con contratto T-Mobile a 179 dollari.