Twitter in Spagnolo, Francese, Tedesco e Italiano

Twitter è pronto ad introdurre 4 nuove traduzioni: Spagnolo, Francese, Tedesco e Italiano. I lavori di traduzione si terranno a San Francisco nel periodo autunnale e dovrebbero far decollare questa piattaforma anche in Europa. I motivi di questa scelta non sono stati resi noti ma ecco alcune considerazioni…

twitter

Bella notizia per tutti gli amanti di Twitter. Sembra proprio che il team di sviluppo si sia deciso a tradurre la piattaforma in altre 4 lingue: Spagnolo, Francese, Tedesco e Italiano.

La novità però non mi stupisce più di tanto. Era una notizia che prima o poi doveva pure arrivare, considerando la popolarità del servizio.

Ciò che invece balza subito all’occhio è la presenza della traduzione nella lingua italiana.

Come sappiamo, siamo sempre gli ultimi a beneficiare di traduzioni ufficiali per quanto riguarda certi tipi di servizi.

Riflettendo però, una ragione ci sarebbe: in Italia Twitter non è ancora decollato, a differenza di Facebook, e per questo, gli sviluppatori hanno deciso di semplificarci un pochino la vita introducendo la traduzione in Italiano.

Così, almeno in teoria, la piattaforma cinguettante dovrebbe ottenere maggiore visibilità anche nel nostro paese. Sono, però, solo considerazioni e non teorie date per certo.

Fatto sta che i lavori di traduzione si terranno a San Francisco nel periodo autunnale. Chissà se, dopo l’integrazione delle 4 nuove traduzioni, cambierà qualcosa… sono davvero curioso.

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero Interessarti
Leggi

Windows: altri problemi di sicurezza, ha una falla da 17 anni

Il 2010 di Microsoft sembra non avere pace, dopo aver terminato il 2009 sull'onda dell'euforia per via delle vendite di Seven, il nuovo anno ha portato più dispiaceri che soddisfazioni.Dopo i problemi riscontrati con Internet Explorer di cui abbiamo già parlato in un articolo precedente, un un gruppo specializzato nell'analisi dei sistemi di sicurezza della Google, ha rivelato, pochissimi giorni fa, che Windows ha una falla che si porta dietro dal lontano 1993, cioè dal Windows 3.1.