Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Nuovo modo di giocare: Project Natal e Project Dimitri (Project Milo) presentati all’E3

Nuovo modo di giocare: Project Natal e Project Dimitri (Project Milo) presentati all’E3

Project Natal & Project Dimitri

Ne abbiamo già parlato in un articolo precedente: Microsoft intende stupire tutti gli amanti del mondo videoludico introducendo un sistema di gioco del tutto innovativo.

Si tratta del Project Natal, un metodo rivoluzionario di concepire il gioco, senza il bisogno di alcun controller.

Il progetto è stato presentato ufficialmente all’E3 che si tiene a Los Angeles in questi giorni.

Vedi una palla? No, problem… calciala o respingila come se fosse dinanzi a te!

Il nuovo sistema offerto solo su Xbox360, percepisce gran parte dei movimenti del corpo e sembra perfino superiore all’amatissimo sensore di movimento sviluppato dalla Nintendo Wii.

Il livello di intrattenimento offerto da questo sistema è veramente inimmaginabile. Quasi si annullano i confini con la realtà videoludica.

Non solo i giochi potranno essere controllati da questo sistema: tutta la dashboard e le varie funzioni non necessiteranno più di alcun controller.

Ogni scelta potrà essere effettuata con il semplice movimento delle mani!

La presentazione del Project Natal sembrava essere giunta al termine ma ecco che, alla fine della presentazione, giunge sul palco Peter Molyneux di Lionhead che rivela un nuovo progetto tenuto segreto a tutti.

Si tratta di Project Dimitri (conosciuto anche con il nome di Project Milo) e fin dalla sua prima presentazione fa già sognare tutti gli appassionati.

Nella parte finale del video presentato, si vede una ragazza interfacciarsi ad un bambino. Questa sembra interagire senza alcun problema, in modo molto semplice e naturale. Al termine la vediamo chinarsi sull’acqua di un torrente (3.04 minuti) per poi agitarla con il movimento delle mani.

Siamo ormai giunti ad un livello di intrattenimento veramente elevatissimo. Speriamo solo che questo progetto veda la luce al più presto e così parte dei nostri sogni diverrà realtà!

Autore

Kamil Molendys è il fondatore de Il sito blu. È uno studente di Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Salerno.