Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Nuova Toyota IQ: fa già tremare la Smart!

Nuova Toyota IQ: fa già tremare la Smart!

Toyota-IQ

Non è di certo la compagna ideale per affrontare lunghi viaggi, ma diventerà la regina delle citycar: Lunga 299 cm( 29 in più rispetto alla rivale tedesca, è in grado di ospitare (in teoria) 4 persone, anche se in realtà solamente tre adulti ed un bambino stanno relativamente comodi. Infatti i progettisti hanno cercato in tutti i modi di “rubare” cm alla struttura a vantaggio del confort e ciò è evidente soprattutto nella plancia che è asimmetrica nel lato passeggero in modo da permettere al passeggero anteriore di far scorrere il sedile a vantaggio dei passeggeri posteriori.

Toyota-IQ Retro

 

 

La linea si presenta sbarazzina, con le ruote ai quattro angoli della carrozzeria, un muso corto ed una coda verticale che grazie anche al serbatoio piatto sotto il pianale e gli ammortizzatori inclinati hanno consentito di ottenere maggior spazio per i passeggeri posteriori.

La plancia ha un aspetto decisamente moderno ma nel contempo minimalista con la sua struttura a forma d “V” e l’ampio display navigatore satellitare. Toyota-IQ Interno

 

Per quanto riguarda le motorizzazioni, la piccola giapponesina debutterà in Europa con un motore mille da 68 cavalli ( lo stesso della Aygo), che non dovendo spostare una massa esagerata ( l’auto pesa pressappoco 900 kg) è in grado di offrire buone prestazioni. A differenza della rivale tedesca, la IQ avrà un cambio manuale a 5 marce e quindi si guida come una semplice citycar. In conclusione la iQ evolve il concetto di microcar aggiungendo una notevole dose di versatilità, costituita dai sospirati sedili posteriori. Il tutto in tre metri esatti, con buone finiture e una guidabilità convincente. Un buon lavoro.

Autore

Kamil Molendys è il fondatore de Il sito blu. È uno studente di Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Salerno.
  • Kamil Molendys

    Bell’articolo! 🙂