Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Nintendo presenta Wii U, il successore di Wii con controller touch

Nintendo presenta Wii U, il successore di Wii con controller touch

nintendo-wii-u

Lo scorso 6 Giugno ha avuto inizio l’Electronic Entertainment Expo 2011 (meglio noto come E3), uno degli eventi videoludici più importanti dell’anno durante il quale le aziende del settore mostrano al pubblico tutte le loro ultime produzioni e i progetti futuri. Tra le varie case produttrici, quest’anno i riflettori erano puntati in particolar modo su Nintendo: la casa giapponese, infatti, non aveva fatto mistero di voler presentare una nuova console fissa. Come sempre l’azienda ha sorpreso tutti e tra un trailer e un altro ha tolto i veli alla sua nuova creatura, Wii U: non tanto una nuova console, quanto un nuovo controller.

Nintendo ha infatti rilasciato poche informazioni circa le specifiche della console in sé, dandole volutamente poco risalto. Sappiamo che AMD si è occupata della GPU, mentre il processore è un multi-core di IBM; le capacità grafiche potranno comunque finalmente avvalersi dell’HDMI con supporto alle risoluzioni 1080p, 1080i, 720p, 480p e 480i. Per la distribuzione dei giochi, la console utilizzerà un tipo di supporto proprietario (un disco ottico da 12 cm) con una capacità massima che si aggirerà attorno ai 25 GB, mentre la memoria interna della console (non ancora nota) sarà espandibile tramite schede SD o pen-drive USB. Da segnalare la presenza di 4 porte USB e soprattutto la retrocompatibilità con tutti i giochi e gli accessori finora rilasciati per Wii (per i giochi non è previsto tuttavia alcun upscaling). La console avrà infine un browser web integrato e offrirà funzionalità musica e video.

La vera novità nonché il vero cuore pulsante dell’esperienza offerta da Wii U sarà il suo nuovo sistema di controllo, a metà tra un tablet e un controller classico: esso è dotato di uno schermo touch da 6.2″ in formato 16:9, di una fotocamera/videocamera frontale, accelerometro, giroscopio, vibrazione, microfono e altoparlanti stereo integrati, oltre a un pennino e ad altri sensori; ovviamente non mancano i classici tasti A/B/X/Y, i tasti L/R e ZL/ZR, un D-Pad e due stick analogici. Nintendo ha promesso interazioni del tutto innovative grazie a questo particolare controller: ad esempio, sarà possibile continuare a giocare ai propri giochi visualizzandoli direttamente sullo schermo del controller; lo stesso mostrerà anche menù e punti di vista aggiuntivi rispetto a quelli forniti dalla TV, facendo da vero e proprio schermo supplementare; la videocamera permetterà di effettuare videochat e probabilmente sarà dotata di riconoscimento facciale; sarà possibile condividere anche foto e video tra console e controller. Precisiamo comunque che non si tratta di una “console portatile nella console” come sembrare a prima vista, in quanto i contenuti vengono visualizzati sul controller tramite streaming dalla console (il raggio di azione dovrebbe coprire tranquillamente le nostre stanze).

Nintendo ha annunciato che Wii U arriverà nei negozi entro l’Autunno 2012 ad un prezzo non ancora precisato; i vertici Nintendo hanno comunque anticipato che la console avrà un costo superiore a quello dell’attuale Wii, il quale continuerà a rimanere in vendita e ad essere supportato parallelamente al suo successore ancora per qualche anno. Sono già molti i titoli altisonanti annunciati nella futura line-up di giochi: tra questi citiamo un nuovo gioco della serie Assassin’s Creed, un nuovo Tekken, Pikmin 3 e diversi titoli first-party come Super Smash Bros, Luigi’s Mansion 2 e un capitolo inedito per The Legend Of Zelda. Direi che le basi per un nuovo successo ci sono tutte, anche se al momento rimane ancora molto da dire su questo Wii U. Voi che ne pensate? Nel frattempo, in basso trovate il video di presentazione mostrato alla conferenza:

Autore

Gerardo Considerato è uno studente presso UniSa, articolista web freelance, aspirante game dev & designer, nonché fondatore del progetto indipendente Raxys Games.