Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

I principali portali di film in streaming chiudono i battenti ma Megavideo resta online!

I principali portali di film in streaming chiudono i battenti ma Megavideo resta online!

Megavideo

Il fenomeno dei film in streaming è di grandissima attualità soprattutto dopo il sequestro di Vedogratis.

Pensatela come volete: legale o non legale che sia, tutti i siti che offrono film in streaming con collegamento a Megavideo stanno pian piano sparendo.

Ciò che però ha dell’inverosimile è che Megavideo, nonostante sia la fonte principale di tutto, è ancora online.

Non volendo riaprire l’argomento Vedogratis, già dibbattuto in altri articoli, poniamo la nostra attenzione su Megavideo.

Come è possibile che una fonte di film in streaming così famosa sia ancora online?

Non ditemi che è tutto legale! Credo proprio che se in Italia nascesse un portale del genere sarebbe ormai chiuso da mesi.

E allora per quale motivo il gigante di Hong Kong continua a restare online senza che nessuno possa attaccarlo?

Non venitemi a dire che la spiegazione sta nel fatto che si tratta di un servizio ubicato in Cina.

Capisco che ci possano essere leggi ben diverse ma ciò non cambia nulla. C’è proprio qualcosa che non fila…

In Cina posso aprire un megaportale di video, permettere la distribuzione di film protetti da diritto d’autore senza alcun diritto e arricchirmi con i banner pubblicitari mentre, in altri stati europei, vengo incriminato per aver semplicemente lincato questa risorsa?

Sarà che di legge ci capisco ben poco ma, quando in vari ambianti mi vengono a parlare di uguaglianza, rimango sempre perplesso.

Mi sa proprio che si dovrebbe fare maggiore chiarezza sull’argomento e non agire con azioni del tutto insensate.

Perfino il grande YouTube è stato più volte accusato per delle illegalità riscontrate nei suoi contenuti ed è stato costretto a firmare vari accordi con le major. Non vedo perchè la stessa cosa non possa accadere anche per Megavideo.

Sono proprio curioso di seguire l’evolversi della situazione…

Autore

Kamil Molendys è il fondatore de Il sito blu. È uno studente di Ingegneria Informatica presso l’Università degli Studi di Salerno.
  • bè, megavideo è in cina..
    in un paese dove la schiavitù è ancora dietro l’angolo, figurati se si mettono a controllà i siti di streaming online…