Google rimuove i filtri dal motore di ricerca: segno dell’imminente chiusura in Cina

piazza tienanmen ragazzo ferma i carri armati

Google lascia la Cina

Lo scontro tra Google e Cina sta per giungere al termine e si consuma con un’ultima mossa da parte del gigante di Mountain View. La società del motore di ricerca più famoso al mondo non ha paura di affrontare la potenza cinese e decide di rimuovere i filtri presenti nel proprio motore di ricerca in Cina, rendendo disponibili molti contenuti fino ad ora vietati.

Da qualche giorno il popolo cinese può accedere a contenuti censurati che riguardano i movimenti per l’indipendenza e gradi avvenimenti storici, uno tra tutti la Protesta di piazza Tiananmen. La foto del ragazzo che ferma i carri armati è normalmente visualizzabile, mentre prima era irraggiungibile a causa della censura.

piazza tienanmen ragazzo ferma i carri armati

La mossa è quasi sicuramente l’ultimo atto di Google che, pur contro i propri profitti, resta fedele alle proprie politiche senza fare marcia indietro, nemmeno davanti alla potenza cinese.

Secondo quanto riportato in un articolo apparso su “La Repubblica“, Google dovrebbe lasciare definitivamente la Cina il 10 Aprile, rendendo inaccessibile il dominio Google.cn. La notizia era nell’aria, già una settimana fa si era detto che la società di Mountain View avrebbe abbandonato la Cina al 99.9%.

La presa di posizione di Google fa onore a tutti i suoi dipendenti. Nonostante il mercato cinese sia una miniera d’oro, la società va contro i propri interessi a favore della libertà di espressione e sicurezza del Web.

0 Shares:
Potrebbero Interessarti
Dante's Inferno
Leggi

Dante’s Inferno disponibile anche in Italia per Xbox 360 e PS3

A ben 700 anni dalla sua creazione arriva il videogioco Dante's Inferno in cui il sommo poeta invece di osservare ciò che avviene e comporre versi, si trasforma in un guerriero pronto a combattere con i guardiani dei 9 cerchi per salvare la sua amata Beatrice che ha stretto un patto con Lucifero.
Leggi

Il Googlefonino: Nexus One pregi e difetti del nuovo rivale dell’iPhone

Il 5 gennaio è stato presentato Nexus One, il primo smartphone distribuito da Google. Costruito da HTC con sistema operativo Android, esso presenta caratteristiche tecniche di alto livello e nasce come rivale indiscusso dell’iPhone di Apple.Presente già sul mercato di Usa, Gran Bretagna, Singapore e Hong Kong è possibile acquistarlo in rete con prezzi che vanno da 529 dollari senza alcun contratto con nessun operatore o con contratto T-Mobile a 179 dollari.