Chipper, la sveglia che ti costringe ad alzarti

Recentemente abbiamo parlato di un’app che ci permette di essere svegliati da persone provenienti da tutto il mondo, in modo da poter alleviare il trauma che accompagna l’inizio di ogni nostra giornata. Nel caso in cui, invece, i metodi confortevoli non funzionino, è possibile risolvere il problema agendo alla radice con l’utilizzo di Chipper.

Il prototipo, sviluppato da David Levi, è costituito da un chip di tipo PsOC, da un modulo Bluetooth (utilizzato per comunicare con lo smartphone attraverso un’app, per impostare l’orario di sveglia) e da sensori di tipo capacitivo. Da un punto di vista pratico Chipper viene posizionato sotto al materasso, attraverso un cinturone che si allaccia alla rete del vostro letto, e comincerà a suonare se una persona si trova sul letto all’orario impostato.

Una volta che ci si è alzati, vi potrebbe venire l’idea di ritornare a letto: in tal caso la piccola sveglia, attraverso i propri sensori, nel caso qualcuno si poggiasse nuovamente sul letto, ricomincerà a suonare e l’unico modo per spegnerla sarà quello di alzarsi. Il video in basso vi mostra una dimostrazione di questa idea!

https://youtu.be/FQJK0eXffYM

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero Interessarti
Leggi

Gioco Avatar per cellulare rilasciato da GameLoft

Il 15 Gennaio 2010 è la data di uscita di Avatar del grande James Cameron in tutte le sale cinematografiche d'Italia. E' anche il giorno in cui GameLoft rilascerà il gioco ufficiale di Avatar per i dispositivi mobile.L'applicazione è già disponibile per iPhone e iPod Touch e può essere scaricata direttamente dall'App Store di Apple. Per quanto riguarda la versione mobile per gli altri dispositivi, verrà rilasciata il giorno in cui Avatar farà il proprio debutto nelle sale cinematografiche italiane.
Leggi

Virus più diffusi e località più pericolose

La società Kaspersky Lab ha recentemente pubblicato la lista delle località che hanno visto distribuire il maggior numero di codici dannosi (virus e malware) nel Giugno 2009.Osservando il grafico si nota che la maggior parte dei software dannosi proviene dalla Cina che con un bel 56% si aggiudica la fetta più grande della torta.