Il sito blu

Live creatively, live in blu - news, hi-tech, programmi gratis, tutorial, video, informatica e web.

Android 2.2 Froyo e le sorprese del GoogleI/O

Android 2.2 Froyo e le sorprese del GoogleI/O

Google I/O

Al Google I/O è stato  presentato il nuovo Chrome Web Store, cioè lo store di applicazioni di web app, il Keynote è stato incentrato sullo sviluppo dell’ HTML5 ed è uscito dalla fase di testing privata Google Wave diventando accessibile a tutti.

In più in una gigantesca vetrina sono stati raggruppati tutti i modelli di smartphone con Android, dai più vecchi a quelli che usciranno presto, mostrando non poche sorprese, vediamole insieme:

Galaxy 5 o GT-I5500

L’attesissimo Samsung Corby con Android, Wi-fi e bluetooth 3.0, denominato Galaxy 5 o GT-I5500.

Samsung Galaxy 3 GT-I5801

Un nuovo Samsung dal nome Galaxy 3.

Samsung Galaxy S-GT-I9000

Il tanto voluto Galaxy S, con display super Amoled da 4 pollici e processore ARM da 1Ghz.

Acer Liquid Stream

Il nuovo Acer Stream, evoluzione dell’ Acer Liquid, con display da 3,7 pollici e processore Qualcomm Snapdragon da 1GHz.

Ovviamente ci sono altri migliaia di modelli che potremmo far vedere (Samsung Acclaim, Samsung Galaxy A, Samsung Beam con pico preiettore,Sony ericsson Xperia X10 nelle versioni anche Mini e Mini pro, e molti altri Acer, Motorola e Dell) ma questi ci sembrano i più interessanti al momento.

Ma l’attesa più grande non è stata tradita, cioè la presentazione della nuova versione di Android 2.2 denominata Froyo. Vediamo insieme le novità apportate:

  • le performance e la velocità sono aumentate fino a 5 volte rispetto alla versione 2.1 grazie al nuovo compilatore Dalvik con tecnologia JIT;
  • ora è possibile disincronizzazione con Exchange;
  • il browser è più veloce e potente grazie al nuovo engine javascript V8 che aumenta di 2-3 volte le prestazioni;
  • il browser ora è compatibile con HTML5 così permetterà di utilizzare applicazioni con accelerometro e fotocamera;
  • è disponibile una nuova API per fare il backup automatico dei dati delle applicazioni installate;
  • è possibile scambiare dati tramite il servizio Mobile Cloud to Device Messaging;
  • nuova funzione per utilizzare la voce per eseguire alcuni comandi;
  • riconoscimento vocale decisamente migliorato;
  • stack bluetooth perfezionato grazie all’incremento della compatibilità con il consenso del voice dialing, della condivisione di contatti e del supporto a dock per auto;
  • sincronizzazione e condivisione della musica con il Wi-Fi;
  • ora si possono installare le applicazioni sulla memoria esterna;
  • funzionalità nativa per trasformare lo smartphone in un hotspot Wi-Fi
  • l’Android Market oltre ad avere una nuova versione web, aggiornerà automaticamente le applicazioni anche tutte insieme, con il consenso dell’utente;
  • in caso di crash o bug di un’applicazione sarà possibile inviare un rapporto dettagliato agli sviluppatori per provvedere ad apportare migliorie;
  • nuovo menù semplice ed intuitivo a comparsa per la fotocamera con in più 13 livelli diffrenti di zoom e 4 configurazioni diverse per girare video;
  • il flash led della fotocamera funziona anche durante la ripresa in scarse condizioini di luminosità;
  • si può cambiare la lingua della tastiera spostando un dito sulla barra spaziatrice;
  • aggiornamento del kernel linux alla versione 2.6.32 con supporto degli oltre 256Mb di RAM.
  • completo supporto al Flash 10.1 sui siti di giochi, animazioni e video multimediali!

Come possiamo notare questo aggiornamento è molto sostanzioso e rappresenta un enorme passo avanti che spiazza di gran lunga i suoi più netti concorrenti come Apple e non è mancata di certo la frecciatina da parte di Google proprio verso il rivale, infatti è stato dichiarato questo: “Google vuole un OS libero, per tanti telefoni e tutti gli operatori. La gente ama e vuole il Flash di Adobe.”

Froyo sarà disponibile tra qualche settimana principalmente per il Nexus One e il Motorola Milestone, successivamente anche gli altri Htc usciti nel 2010 come Incredible, Droid, Evo 4g, Desire e Legend. Nel frattempo però è possibile scaricare l’SDK per gli sviluppatori. E voi cosa ne pensate di tutto questo rinnovamento e potenziamento?